martedì 10 gennaio 2012

Palle del Giorgione

Buongiorno!
Oggi vi scrivo la ricetta di uno dei due primi piatti di Natale: gli gnocchi di radicchio trevigiano, anche detti "Palle del Giorgione" data la provenienza dell'artista.
Per questo piatto devo ringraziare Benedetta Parodi, uno dei miei nuovi idoli, che ogni giorno mi invita a cucinare con le sue ricette! (Ormai sta superando Borghese nella lista dei programmi di cucina che seguo...e ho detto tutto!! :D)

Ecco ingredienti e dosi per 4 persone:
1 cespo di radicchio di Treviso
1 cipolla
q.b. olio
q.b. sale
100g scamorza affumicata
100g ricotta
50g parmigiano
1 tuorlo
50g farina
q.b. burro

Affettate la cipolla e rosolatela in una teglia, quindi affettate finemente il radicchio e mettetelo con la cipolla, salate e fate cuocere. Se si asciuga troppo, aggiungete un goccio di acqua (io ho fatto fatica ad asciugare in cottura invece!!).
Versate il radicchio in una ciotola, fate raffreddare un po' e aggiungete la ricotta, il parmigiano, un tuorlo e la farina, quindi fate raffreddare per bene. Io ho messo un po' più di 50g di farina...secondo me è meglio andare ad occhio. Quando riuscite a formare delle palline, significa che la farina è sufficiente. La difficoltà forse sta proprio qui, nel riuscire a trovare la giusta consistenza, ma l'importante è che il composto non si attacchi alle mani quando fate le palline. Non appena smette di essere appiccicoso, infarinate per bene le mani e il piano e aiutatevi con entrambi a fare gli gnocchi.
Cuoceteli in abbondante acqua bollente e salata, quando salgono a galla sono pronti. Versateli in una pirofila imburrata o con del burro a pezzetti, coprite con della scamorza affumicata grattugiata e mettete a gratinare in forno a 180° per qualche minuto.

Ed eccole qui, assieme al risotto alle nocciole (di cui pubblicherò presto la ricetta):


Una vera goduria!! :D Morbidissime grazie alla ricotta e al radicchio, non vi stanchereste mai di mangiarle!
Volendo, si possono fare anche con altri tipi di radicchio...unico difetto, sono più amarognoli, quindi l'intero composto risulterà un po' più amarotico. Ma sono buone lo stesso :)

Buon Appetito!!

4 commenti:

  1. Lola mi hai aperto un mondo!
    Buffo il titolo.. e chi se lo scorda! :-)
    Le farò senz'altro e ti dirò come sono senza glutine! Baci!

    RispondiElimina
  2. @Micol: Vero? A me sono rimaste impresse subito proprio per il nome! :)
    Fammi sapere, sono molto curiosa! :)
    Bacio!

    RispondiElimina
  3. Sfiziosissima questa ricetta!!!

    RispondiElimina
  4. @Memole: Eh si :) Provala e fammi sapere cosa ne pensi! :) Un bacione!

    RispondiElimina